.
Annunci online

PrincipeKamar
Blog semi-serio di un Principe dalle Mille e Una Notte
 
 

Il mio profilo al 27/11/2005 data di nascita di questo blog:
Sono il Principe Kamar, figlio di re Shariman, erede al trono del Regno delle Isole Kalidan, attualmente in terra "straniera" (l'Italia), alla ricerca del mio grande amore la principessa Budur. Dopo lunghe avventure dalle Mille e una Notte, costernate di gioie e di dolori, dove il pericolo è sempre in agguato, riuscirò con l'aiuto dei Ginn e il provvidenziale aiuto della loro principessa Maimuna, a vivere come ogni fiaba si rispetti "e vissero felici e contenti"? Lo scopriremo insieme...
Seguite le mie avventure strampalate nel mio magico mondo, perché in fondo anch'io «Sono come il vento, non dirò mai che sono in procinto di partire perché, come il vento, non potrò mai dire: eccomi sto per arrivare». (Antonio Gades)

Il mio profilo oggi al 04/09/2009:
Per leggerlo clicca QUI.

I miei interessi
Amo la danza, l'arte e tutta la cultura in generale. Adoro ballare, leggere e sognare.
I sogni sono le uniche cose che mi sono rimaste e che mi mantegono ancora a galla in questa complicata e caotica vita moderna.

PER CONTATTARMI: principekamar[AT]gmail.com
eXTReMe Tracker

Heracleum blog & web tools Locations of visitors to this page ATTENZIONE
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7/3/2001. Le immagini qui inserite sono pubblicate senza alcun fine di lucro, qualora la loro pubblicazione vìoli diritti d’autore vogliate comunicarmelo per una pronta rimozione. L’autore altresì dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei singoli post. Eventuali interventi dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi all’autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. L’autore di questo blog si riserva il diritto di eliminare qualsiasi commento che ritenga non conforme allo spirito di questo spazio. Principe Kamar

Crea il tuo badge

DIARI
23 dicembre 2010
Pensieri striscianti
Inaspettatamente mi ritrovo con un'oretta e mezza di libertà, senza né un libro e né il lettore mp3 per ingannare l'attesa. Decido di camminare un po' e di buttare l'occhio alle vetrine, c'è aria di neve, poche luci, decorazioni tristi, la crisi si sente eccome. Troppa gente, mi viene l'ansia, me ne scappo a gambe levate e mi rifugio nel piccolo parco vicino. Non c'è nulla da fare, ho provato ad ingannare il tempo diversamente, ma alla fin fine mi tocca aspettare da solo e quindi mi tocca riflettere. Cammino su e giù lungo il fiumiciattolo, fa freddo e il vento mi scompiglia i capelli, mi piace. Il rumore del traffico è attutito, sembra di essere in un'altra dimensione, il parco non è curato come al solito e qua e là ci sono rami spezzati dalle scorse nevicate e dal maltempo, è un'atmosfera spettrale.
Non voglio pensare ma lo faccio. Penso! Traccio inevitabilmente un bilancio, non mi piace, ormai lo conosco a memoria e non ha più senso farlo. È buffo, ma ogni volta penso solo alle assenze, ai vuoti a ciò che manca nella mia vita; mai una volta che penso a quello che ho già o a quello che ho dato. Probabilmente perché questi ultimi si danno spesso per scontati ed è più semplice cercare quello che manca piuttosto che fare un elenco di quello che si ha già.
Mi fermo a leggere le scritte sul ponticello di legno, ad immaginare le storie e le emozioni che si celano dietro quelle scritte vandaliche: giuramenti di amicizie eterne, l'emozione del primo bacio, suppliche per ricostruire un rapporto, bilanci d'amore, dichiarazioni d'amore, amori finiti...
Poi ci sono i lucchetti con le date sbiadite e le iniziali, opera di Moccia e della sua omologazione  e banalizzazione dell'amore.
Guardo giù, l'acqua scorre velocemente e intanto penso. Questa volta niente bilanci fallimentari, penso all'amore che ho dato e all'amore che ho ricevuto. Anche qui i conti non tornano, e la domanda inevitabile è: sono stato in grado di amare veramente? Non saprei! Dovrei chiederlo agli amori passati, ma loro mi hanno mai amato? Sinceramente credo di no, ma va bene così.
Continuo a camminare fin quando non trovo una panchina e mi siedo. Pessima idea! Ho freddo, tanto freddo, ma non importa, mi piace questa sensazione di semi-assideramento, forse nevicherà, ho lo sguardo perso nel vuoto. Trovo belli gli alberi storti perché mi assomigliano, vedo in loro la mia stessa voglia di crescere nonostante tutto. Piove lievemente, mi piace sentire l'acqua sulla mia pelle. Scivolano con le gocce i pensieri, rivedo i bivi e le scelte sbagliate, parto con i se e con i ma.
Tempo perso: non si costruisce niente con i se e con i ma! Tento di fare mente locale e di buttare le basi per creare un progetto, ma penso e ripenso e giungo sempre allo stesso punto.
Un'assenza è più molesta delle altre, perché più grande e mi nasconde le altre.
Penso che quello che mi manca, ora più di tutto, è l'amore, ma non uno qualsiasi il Grande Amore della Mia Vita!
Più ci penso, più posso affermare che forse ci sono andato abbastanza vicino, ma non basta. E se non fossi in grado di riconoscerlo? E se non arrivasse in tempo? E se non esistesse? Altri inutili se che mi perseguitano.
Ma poi basterebbe un Grande Amore a risolvere tutto? No, ma sarebbe un gran bel punto di partenza, un modo per rimettersi in gioco, un modo per rischiare nella vita. Sì, un altro nodo è quello: penso troppo quando non dovrei e penso poco quando dovrei farlo. Sto sempre lì a pensare alle conseguenze, più sugli altri che su di me; poi penso alle decisioni che ho preso di petto, senza paracadute. Il bilancio è tendenzialmente positivo, peccato che non sempre le ho fatto fruttare, ma quello è un altro discorso. 
Penso a ciò che mi attende nel futuro, ho un po' paura, penso che dovrei buttarmi nella vita di petto e non di testa, aspetto un Grande Amore che spero non si chiami Godot, intanto cerco di buttare le basi per accoglierlo al meglio.
DIARI
21 novembre 2010
Son così se vi pare


È un periodaccio dove niente va come dovrebbe andare, dove mi scontro contro muri e dove le uscite di sicurezza nascondono solo dei baratri ancora più profondi. Sono costantemente in bilico su di un filo con la tentazione di mollare tutto, fare tabula rasa e ricominciare da zero: nuovo posto, nuovi amici, nuove esperienze, nuova vita.
Poi rinsavisco un po' e penso che non sempre si può fuggire perché prima o poi il passato ritorna e bisogna affrontarlo. Insomma, sono già "fuggito" una volta, credo uno dei periodi più felici degli ultimi tredici anni, dove nonostante qualche piccola bagarre, ero riuscito a raggiungere un mio equilibrio: dove se un giorno mi andava di cantare  o ballare in mezzo alla strada lo facevo senza pensieri; dove potevo trascorrere un'ora a guardare il cielo senza sentirmi in colpa per aver speso un'ora della mia vita disteso sull'erba a guardare le nuvole e a sognare; dove le mie infinite fisime paranoiche non erano altro che una mia caratteristica come gli occhi castani e nulla più; dove avevo fiducia in me, nelle mie capacità, nel mondo e dove progettare un futuro  per me sembrava la cosa più bella di questo mondo, perché accanto c'era la convinzione che questo futuro tanto desiderato fosse tangibile, quasi a portata di mano, che la mia felicità fosse proprio dietro l'angolo; che ogni giorno mi riservasse qualcosa di nuovo da scoprire di me, degli altri, del mondo e pazienza che non sempre fossero cose belle.
Pensavo di essere riuscito a vaccinarmi per il futuro, di essere così forte per ritornare e prendere di nuovo in mano le briglie della mia vita.
Invece, lentamente tutto è tornato come prima e forse pure peggio: ingarbugliato in una somma di scelte per lo più sbagliate che non trovo più mie.

In realtà non era questo il post che avrei voluto e dovuto scrivere, perché ce n'era un'altro che avrebbe dato sfogo alle mie ultime frustrazioni date da un progetto infranto e per l'ennesima volta probabilmente rimandato, dall'essere preso in giro, umiliato, sottovalutato... poi però come dopo una tempesta il mare si acquieta e così anch'io in predo alla tempesta o forse di più alla stanchezza, mi sono fermato e mi sono seduto perché in questo momento non so fare altro.
Ci ho provato senza alcun risultato degno, ma ci ho provato e questo mi rende l'amaro più dolce anche se non cambia niente.
Non mi sto lamentando e né mi sto giustificando, sto solo buttando nero su bianco i miei pensieri per dare loro la libertà che non mi sento di avere, eppure nessuno mi ha incatenato fisicamente. Le mie catene sono invisibili e più difficili da spezzare perché non riesco ad arrivare alle loro origini per spezzarle.

Si dice che ognuno è il padrone del proprio destino costruito mattoncino dopo mattoncino, probabilmente è così, anzi certamente è così. Be' io a quanto pare l'ho costruito a casaccio e ora me lo tengo così com'è, perché al peggio non c'è mai fine ma col tempo subentrerà qualcos'altro che in quel momento mi sembrerà peggiore di quelli precedenti, e così via.
È buffo come invece per i ricordi più belli ciò non avvenga, si vede che sono democratici per natura e amano stare sullo stesso piano.

Non sono pessimista ma neanche ottimista: sono realista. Proprio perché sono realista ho una dannata paura di non essere quello che ho sempre desiderato, mi viene automatico costruirmi muri di diamante da cui vedere il mondo ed essere visto filtrato, resistenti a tal punto da non essere scalfiti.
Non riesco a farmi coinvolgere più di tanto, ci provo, ma ogni volta scatta il freno automatico e l'istinto mi porta a correre il più lontano possibile. Chissà quante cose mi sono perso e mi sto perdendo!
Il mio problema è il tempo: ho bisogno di tempo e non ne ho mai a sufficienza. Sono lento, troppo lento per questa società così frenetica che mi costringe ad aumentare il ritmo con risultati disastrosi, portandomi ad essere un disadattato: sempre fuori luogo, fuori tempo, fuori modo, fuori.
Sto cercando di amarmi, di volermi bene, ma è un po' come pretendere di fare un'immersione nelle fosse delle Marianne con scarponcini da trekking e piccozza o come scalare l'Everest con pinne, fucile ed occhiali; ma si fa quel che si può.
Sono alla disperata ricerca di me stesso, di quello che voglio per il mio futuro.
Mi sento come un novello Indiana Jones che parte per una nuova avventura, solo che la mia bussola si è rotta e la mia cartina geografica è solo un immenso foglio bianco con un bel punto interrogativo in mezzo.
Cerco i pezzi del mio puzzle per ritrovare me stesso, la mia libertà, la mia forza che so di avere smarrito da qualche parte. Cerco di sconfiggere le mie paure che mi stritolano, cerco di andare avanti, cerco  di ricostruire ciò che ho costruito così maldestramente.
Ho bisogno di svegliarmi, di avere voglia di rimettermi ogni giorno in gioco, di avere la voglia di scoprire, di essere di nuovo curioso della vita, ma soprattutto di essere concreto nella buona e nella cattiva sorte, ho bisogno di me solo che mi secca ammetterlo.
Sono così se vi pare, altrimenti fa lo stesso.

sfoglia
novembre        gennaio
Cerca
Feed
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.
Feed
blog letto 1 volte